viterbo pnrr sanita
06.02.2022 /

Viterbo: dal PNRR 33 milioni per la sanità, presentati i progetti

Ospedali, centrali operative, case di comunità: nuove apparecchiature grazie ai fondi europei

Quattro ospedali, cinque centrali operative, dodici case di comunità, ventuno apparecchiature di ultima generazione, oltre a interventi di adeguamento sismico per gli ospedali di Tarquinia e Civita Castellana. Sono questi i progetti previsti per la sanità della provincia di Viterbo in base ai fondi messi a disposizione dall’Unione Europea nell’ambito del PNRR. Gli obiettivi, le cui progettazioni definitive possono essere riviste, modificate e corrette fino alla fine del mese di febbraio, sono stati presentati il 10 gennaio a Viterbo dalla Direttrice Generale della ASL Daniela Donetti e dall’Assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato.
 
È stato proprio l’Assessore regionale, nel corso della conferenza stampa, a sottolineare più volte quanto sia importante “che tutte le amministrazioni facciano fronte comune”, per non perdere questa opportunità che arriva dall’UE. Importante quindi anche, per l’Assessore, che si rispetti la già citata data del 28 febbraio per presentare eventuali modifiche ai progetti: “non possiamo permetterci alcun ritardo, o perderemo tutto” ha tuonato l’assessore D’Amato.

Ecco il dettaglio degli interventi:

  • 8,4 milioni saranno stanziati per realizzare 12 Case di Comunità a Bagnoregio, Tarquinia, Tuscania, Montefiascone, Acquapendente, Bolsena, Orte, Soriano, Civita Castellana, Ronciglione, Vetralla e, ovviamente, a Viterbo;
  • 1 milione di euro per creare 5 centrali operative territoriali, 1 a Tarquinia, 1 a Civita Castellana e 3 a Viterbo;
  • 3,5 milioni di euro saranno spesi per costruire 4 Ospedali di Comunità a Acquapendente, Montefiascone, Ronciglione e Orte;
  • 12,4 milioni saranno investiti nell’adeguamento sismico degli ospedali di Civita Castellana e Tarquinia;
  • 7,6 milioni serviranno a integrare e rendere più moderne le apparecchiature della Asl di Viterbo con l’acquisto, nello specifico, di 9 ecotomografi, 6 apparecchi radiologici, 2 angiografi, 1 mammografo, una gamma camera, un acceleratore lineare e una risonanza magnetica 1,5 tesla.

Con questi interventi, ha evidenziato la Direttrice Generale della Asl Daniela Donetti, “il domicilio diventa realmente il primo luogo di cura con le Case di Comunità, gli Ospedali di Comunità e le centrali operative territoriali”. “Il PNRR ci dà la straordinaria occasione per eliminare le disuguaglianze, visto che questi 2 anni di pandemia ci hanno dimostrato che il rafforzamento della sanità territoriale è necessaria e fondamentale”, ha chiosato l’Assessore D’Amato.

I cittadini della Tuscia, e in primis i viterbesi, attendono quindi con fiducia il 28 febbraio, dead line, come già detto, per presentare le modifiche ai progetti presentati il 10 gennaio scorso; quel giorno si saprà definitivamente come e se saranno modificati questi progetti; successivamente si potranno spendere questi soldi del PNRR, in modo da rendere la sanità viterbese ancor più efficiente, con evidenti vantaggi per i cittadini di questa città e di tutta la provincia.

Qui è possibile scoprire gli appartamenti e le ville di nuova costruzione disponibili nella zona di Viterbo e in vendita con Residenze.

Residenze Immobiliare » Blog » Vivere Roma » Viterbo: dal PNRR 33 milioni per la sanità, presentati i progetti

Cerca nel sito

In più da Residenze

Cerca nel sito

Torna all'inizio

Cerca sulla mappa