raccolta differenziata casa
15.10.2021 /

Raccolta differenziata in casa: 5 consigli per gestirla al meglio

Contenitori, spazi, colori: ecco come organizzare la spazzatura, differenziandola correttamente, senza rovinare l’estetica degli ambienti domestici ed evitando cattivi odori

Gestire la spazzatura in casa è oggi un’operazione molto più complessa che in passato vista l’esigenza di differenziare i rifiuti per tipologia. In molti casi alcuni tipi di rifiuti non possono inoltre essere eliminati immediatamente, ma occorre attendere i giorni di raccolta, e questo può causare cattivi odori. L’accumulo di rifiuti, da separare in contenitori diversi, può determinare anche problemi di spazio soprattutto nelle abitazioni più piccole. Ecco dunque alcuni consigli per gestire al meglio la spazzatura in casa.

1 – Spazi

La prima cosa da fare per organizzare al meglio la differenziata in casa è di valutare attentamente gli spazi a disposizione, anche in base alla quantità di rifiuti prodotta. Alcuni cestini della spazzatura vanno posizionati obbligatoriamente in cucina perché molti rifiuti vengono prodotti proprio in questa stanza: indifferenziato e organico si trovano in particolare quasi sempre sotto al lavello. Per chi può è consigliabile creare un diverso luogo di accumulo di questa spazzatura, trasferendola tutti i giorni o anche più volte al giorno in aree della casa meno frequentate e nelle quali i cattivi odori siano più tollerabili. L’ideale sarebbe in garage o all’esterno, in giardino o sul terrazzo, magari all’interno di contenitori in grado di non far passare acqua e umidità e di proteggere i sacchi dagli animali. La carta e la plastica possono avere un punto di raccolta anche diverso dalla cucina o possono essere accumulate in cestini diversi, distribuiti in stanze diverse, ad esempio uno in cucina e, in particolare la carta, uno nello studio e uno nella cameretta dove i bambini fanno i compiti. Se invece l’abitazione è piccola e non ci sono spazi esterni, si può ricavare proprio sotto al lavello della cucina o in un angolo comodo uno spazio dedicato a tutta la spazzatura, inserendo i vari cestini magari in un mobiletto su misura: in commercio esistono molte differenti opzioni funzionali ed esteticamente curate.

2 – Contenitori

Scegliere accuratamente i contenitori è fondamentale. In particolare è necessario fare attenzione che questi siano comodi da lavare, abbastanza grandi rispetto alle nostre esigenze ma ovviamente tenendo in considerazione anche gli spazi a disposizione. Per i contenitori dell’organico e dell’indifferenziato un aspetto da tenere in considerazione e anche la capacità di trattenere gli odori.

3 – Colori

È consigliabile distinguere i contenitori della spazzatura per colore in modo da identificare rapidamente quello giusto. La distinzione per colori rende più semplice coinvolgere anche i bambini nell’importante operazione di differenziazione dei rifiuti. I colori normalmente utilizzati sono verde per il vetro, blu per carta e cartone, giallo per la plastica, marrone per l’organico, grigio per l’indifferenziato.

4 – Rifiuti pericolosi

Occhio ai rifiuti che vanno distinti da tutti gli altri perché contenenti sostanza fortemente inquinanti. Questi rifiuti, in particolare farmaci, batterie e pile, vanno conferiti in appositi raccoglitori che si trovano di solito nelle farmacie o nei centri di raccolta. È bene dedicare a questi rifiuti dei contenitori appositi anche in casa: di solito sono sufficienti anche cestini o sacchi non molto grandi.

5 – Design e tecnologia

Per organizzare al meglio la differenziata in casa si trovano in vendita molte e anche avanzate soluzioni dal design innovativo e accattivante: armadi, contenitori, panche di vari stili e dimensioni già suddivise internamente per ospitare i vari cestini. Chi preferisce può optare per soluzioni su misura, ricorrendo magari a un falegname. Sempre più diffusi sono anche i dispositivi automatizzati che ripuliscono, differenziano, schiacciano, tritano e conservano i rifiuti, rendendo la loro organizzazione in casa particolarmente semplice.

Residenze Immobiliare » Blog » Arredamento » Raccolta differenziata in casa: 5 consigli per gestirla al meglio

Cerca nel sito

In più da Residenze

Cerca nel sito

Torna all'inizio

Cerca sulla mappa